AI CONFINI DEL SAPERE
printprintFacebook





New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Facebook  

Tumore all’ovaio

Last Update: 11/15/2018 9:27 AM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 2,490
Age: 70
Gender: Male
11/15/2018 9:27 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

di Xagena.it

Studio SOLO-1: la terapia di mantenimento con Olaparib riduce il rischio di progressione della malattia o decesso del 70% nei pazienti con tumore all'ovaio di nuova diagnosi e avanzato, BRCA-mutato

Sono stati presentati i risultati dello studio di fase III SOLO-1 che hanno valutato le compresse di Olaparib ( Lynparza ) come trattamento di mantenimento per le pazienti con carcinoma all'ovaio con mutazione BRCA ( BRCAm ) di nuova diagnosi e avanzato, che erano in risposta completa o parziale dopo chemioterapia di prima linea standard con Platino.

I risultati dello studio hanno confermato il miglioramento statisticamente significativo e clinicamente significativo della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) per Olaparib rispetto al placebo, riducendo il rischio di progressione della malattia o di mortalità del 70% ( hazard ratio, HR 0,30 [ IC 95%, 0.23-0.41], p inferiore a 0.001 ).

A 41 mesi di follow-up, la sopravvivenza mediana libera da progressione per le pazienti trattate con Olaparib non è stata raggiunta rispetto ai 13.8 mesi delle pazienti trattate con placebo.
Tra quelle trattate con Olaparib, il 60% è rimasto privo di progressione a 36 mesi rispetto al 27% delle donne nel braccio placebo.

Le donne con tumore all'ovaio sono spesso diagnosticate con malattia avanzata, che è associata a tassi di sopravvivenza a lungo termine sfavorevoli.
I risultati dello studio SOLO-1 hanno dimostrato il potenziale della terapia di mantenimento a base di Olaparib instaurata precocemente, e hanno sottolineato l'importanza dell'identificazione dello stato di mutazione BRCA di una paziente al momento della diagnosi.

Il profilo di sicurezza emerso dallo studio SOLO-1 era in linea con quello osservato nei precedenti studi clinici.
Gli eventi avversi più comuni maggiori o uguali al 20% erano: nausea ( 77% ), affaticamento / astenia ( 63% ), vomito ( 40% ), anemia ( 39% ) e diarrea ( 34% ).
Gli effetti avversi più comuni o uguali a quelli di grado 3 sono stati anemia ( 22% ) e neutropenia ( 9% ).

Il 72% dei pazienti trattati con Olaparib è rimasto alla dose iniziale raccomandata.
Inoltre, l'88% dei pazienti trattati con Olaparib ha continuato il trattamento senza interruzione correlata agli effetti avversi.

SOLO-1 è uno studio multicentrico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di fase III che ha come obiettivo quello di valutare l'efficacia e la sicurezza di Olaparib in compresse ( 300 mg due volte al giorno ) come monoterapia di mantenimento, rispetto al placebo, nei pazienti con nuova diagnosi di cancro all'ovaio BRCA-mutato, in fase avanzata, dopo chemioterapia a base di Platino.
Lo studio ha randomizzato 391 pazienti con mutazione BRCA1 o BRCA2, che erano in risposta clinica completa o parziale dopo chemioterapia a base di Platino.
I pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 2:1 a ricevere Olaparib oppure placebo per un massimo di 2 anni o fino a progressione della malattia ( a discrezione dello sperimentatore ).
L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione e gli endpoint secondari chiave includevano il tempo alla seconda progressione della malattia o mortalità, il tempo al primo trattamento successivo e la sopravvivenza globale ( OS ).

Olaparib è un inibitore di PARP. Studi in vitro hanno dimostrato che la citotossicità indotta da Olaparib può comportare l'inibizione dell'attività enzimatica di PARP e l'aumento della formazione di complessi PARP-DNA, con conseguente danno al DNA e morte delle cellule tumorali.

Il tumore alle ovaie è una delle principali cause di morte per cancro nelle donne di tutto il mondo, con un tasso di sopravvivenza a cinque anni del 19%.
Nel 2018 sono stati diagnosticati oltre 295.000 nuovi casi con circa 184.799 decessi.
Per il carcinoma ovarico avanzato di nuova diagnosi, lo scopo principale del trattamento è ritardare la progressione della malattia il più a lungo possibile e mantenere la qualità di vita del paziente con l'intento di ottenere una remissione completa o una cura. ( Xagena )

Fonte: European Society for Medical Oncology - Congresso ESMO, 2018

Onco2018 Gyne2018 Farma2018
www.oncoginecologia.net/articolo/studio-solo-1-la-terapia-di-mantenimento-con-olaparib-riduce-il-rischio-di-progressione-della-malattia-o-decesso-del-70-nei-pazienti-con-tumore-allovaio-di-nuova-diagnosi-e-avanzato-brc...
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:09 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com